Team building basato sulla fiducia

Questione di #fiducia: il pilastro fondamentale per una buona attività di team building

Nel mondo del lavoro, caratterizzato da continui cambiamenti tecnologici e sociali, la fiducia rimane un elemento imprescindibile per il successo di qualsiasi squadra. Questo concetto, tanto semplice quanto complesso, è la base su cui si costruiscono relazioni solide e produttive all’interno dei team. Perché?

Bellagio TreeB location team building Lago di Como
Percorso della #fiducia @ baita TreeB Bellagio

La fiducia è l’ingrediente segreto che permette a un team di funzionare in modo coeso ed efficiente. Senza di essa, la comunicazione si rompe, la collaborazione si indebolisce e l’innovazione viene soffocata. Studi recenti confermano che la fiducia è un fattore determinante per il successo organizzativo. Secondo una ricerca di Edelman Trust Barometer del 2023, le aziende che godono di alta fiducia hanno il 50% in più di probabilità di essere considerate leader nel loro settore rispetto a quelle con livelli di fiducia più bassi.

In un contesto lavorativo sempre più multigenerazionale, la fiducia assume sfaccettature diverse. I Baby Boomers, la Generazione X, i Millennials e la Generazione Z portano con sé valori e aspettative diverse. Alle volte apparentemente opposte. Uno studio condotto da Deloitte nel 2023 ha evidenziato che le generazioni più giovani, in particolare i Millennials e la Gen Z, danno grande importanza alla trasparenza e all’autenticità. Per questi lavoratori, la fiducia non si guadagna solo attraverso risultati tangibili, ma anche tramite una comunicazione aperta e la condivisione dei valori aziendali. Aspetti che oggi sono imprescindibili per raccontare qualunque azienda. 

Daniele Cassioli team building per sviluppare la fiducia
Daniele Cassioli autografa il suo libro prima di una sessione de #LaSvista

Il 2024, in molti contesti nell’ambito dei servizi, vede ancora una forte prevalenza di lavoro ibrido e remoto. La pandemia di COVID-19 ha accelerato questa transizione, e le aziende hanno dovuto adattarsi rapidamente. La fiducia è diventata ancora più cruciale in questo contesto, dove la mancanza di interazioni faccia a faccia può rendere più difficile la costruzione di relazioni solide. Uno studio di Microsoft del 2023 ha rivelato che i team con alti livelli di fiducia sono più resilienti e capaci di adattarsi alle sfide del lavoro remoto, mantenendo alti livelli di produttività e benessere. Un modo ufficiale per dire che allenare la fiducia è sempre una buona cosa. Ed è sempre un buon momento per farlo. 

Per costruire e mantenere la fiducia all’interno dei team, è fondamentale adottare strategie mirate:

  1. Comunicazione aperta e trasparente: condividere informazioni importanti e decisioni in modo chiaro aiuta a evitare malintesi e costruisce un ambiente di trasparenza.
  2. Responsabilità e affidabilità: ogni membro del team deve sentirsi responsabile per il proprio lavoro e sapere che può contare sugli altri.
  3. Riconoscimento e apprezzamento: riconoscere il contributo di ciascuno e mostrare apprezzamento rafforza la fiducia reciproca.
  4. Empatia e ascolto attivo: dimostrare empatia e praticare l’ascolto attivo crea un ambiente di rispetto e comprensione.
Baita TreeB location per team building a Bellagio
Interni della baita TreeB Bellagio – sala meeting

Se investire nella costruzione di fiducia può fare la differenza tra un team che semplicemente sopravvive e uno che prospera, sia che si tratti di superare le barriere generazionali o di navigare le complessità del lavoro remoto, Corefab prosegue il suo percorso aggiungendo un’attività adatta allo scopo. 

Dopo il successo de #LaSvista con Daniele Cassioli, attività di team building che continua a riscuotere successo non solo per le innate capacità comunicative del tuo testimonial, ma anche per la profondità e qualità di comunicazione che il format riesce ad ottenere tra i membri del team presenti in sala, Corefab ha scelto di ampliare questo segmento realizzando un vero e proprio percorso sulla fiducia.

Dove? A Bellagio, località Civenna, nella Baita TreeB.

Come? Costruendo 130 metri circa di percorso in natura, caratterizzato da sculture di legno e storie, che tassativamente andranno vissute da bendati. E che, per forza di cose, dovrà essere percorso con l’aiuto dei compagni di squadra. 

E la tecnologia? Non mancherà, ma nel completo rispetto della natura. Racconti e indicazioni saranno diffuse in questo percorso grazie alla tecnologia NFC e per tramite di totem di legno che avranno il ruolo di guide in un percorso “al buio”.

Quando? Il percorso è già disponibile ed è accessibile tutto l’anno, sebbene la preferenza per l’attività outdoor rimanga stabile tra maggio e ottobre. 

Quanto dista da Milano? Poco più di un’ora, quindi prendetevela con calma: una volta arrivati potrete anche godere di un pasto tradizionale in una bellissima baita di legno e pietra con vista sul Lago di Como e sulle Prealpi.  

Per prenotare? Scrivi a info@corefab.it e sarai accontentato! 🙂

Marco Menoncello

www.corefab.it

Foto: www.unopuntoquattro.it

Il team di Bracco Imaging Spa a Sarnico teambuilding musicale

#YourBodyIsAPercussion: l’attività di #teambuilding che trasforma il corpo in ensemble musicale

Nel mondo del team building, trovare attività innovative e coinvolgenti è fondamentale per rafforzare le relazioni lavorative e migliorare la collaborazione. Un format che sta conquistando sempre più consensi (almeno tra la popolazione dei clienti di COREFAB s.b.) è #YourBodyIsAPercussion, un’esperienza musicale unica che trasforma il corpo umano in un vero e proprio strumento percussivo. Proviamo ad esplorare questo straordinario format e i vantaggi che può offrire alle aziende che cercano di migliorare la coesione e la produttività del loro team.

Team building Musica Corefab Maggio 2024
L’ukulele di Nicoletta T.

#YourBodyIsAPercussion è un format di team building ideato per creare un ensemble musicale nell’arco di circa due ore. La coach musicale Nicoletta guida i partecipanti in un viaggio che inizia con la consapevolezza del proprio corpo e culmina in una performance finale. L’attività è strutturata in diversi passaggi:

  1. Bilanciamento del corpo e respirazione consapevole: Nicoletta insegna ai partecipanti a bilanciare il proprio corpo e a respirare in maniera consapevole. Questi elementi sono fondamentali per creare una base solida su cui costruire la performance musicale.
  2. ritmo e suoni del corpo: utilizzando suoni generati dal corpo, come battiti di mani, schiocchi di dita, colpi sul petto e altri suoni, i partecipanti imparano a creare ritmi complessi e armoniosi. Questa fase è cruciale per sviluppare la coordinazione e l’ascolto reciproco.
  3. Creazione della performance: step by step, il gruppo lavora insieme per costruire una performance musicale coesa. Ogni partecipante contribuisce con la propria unicità, creando un’esperienza collettiva straordinaria.
  4. Lavoro a gruppi: quando la performance finale è pronta, Nicoletta divide il gruppo in squadre, chiedendo a ciascuna di esse di inventare una performance originale utilizzando quanto appreso. Questa fase stimola la creatività e il lavoro di squadra in un contesto ludico e dinamico.
Il team di Bracco Imaging Spa a Sarnico (BG) maggio 2024.jpg
Il team di Bracco Imaging Spa a Sarnico (BG), durante l’attività #YourBodyIsAPercussion – maggio 2024

Partecipare a #YourBodyIsAPercussion offre numerosi benefici al tuo team:

  1. Migliora la comunicazione: la musica è un linguaggio universale che richiede ascolto attivo e risposta immediata. Durante le sessioni, i partecipanti devono comunicare efficacemente per mantenere il ritmo e coordinarsi con gli altri membri del gruppo.
  2. Rafforza la collaborazione: la creazione di una performance musicale richiede la collaborazione di tutti i partecipanti. Questo format favorisce il senso di appartenenza al gruppo e la fiducia reciproca, elementi essenziali per un team di successo.
  3. Stimola la creatività: la sfida di inventare una performance originale con suoni del corpo incoraggia i partecipanti a pensare fuori dagli schemi e a sperimentare nuove idee. Questo processo creativo può avere un impatto positivo sulla risoluzione dei problemi e sull’innovazione aziendale.
  4. Aumenta il morale e la motivazione: un’attività divertente e dinamica come #YourBodyIsAPercussion può migliorare l’umore e la motivazione dei dipendenti, rendendo l’ambiente di lavoro più piacevole e stimolante.
  5. Sviluppa abilità motorie e coordinazione: Il lavoro sul ritmo e sui movimenti del corpo contribuisce a migliorare le abilità motorie e la coordinazione dei partecipanti, con benefici che possono estendersi anche al di fuori del contesto lavorativo.

Insomma, #YourBodyIsAPercussion è molto più di una semplice attività di team building; è un’esperienza trasformativa che combina musica, movimento e collaborazione. Partecipare a questo format può aiutare i team a comunicare meglio, collaborare in modo più efficace e sviluppare una creatività senza limiti. Se stai cercando un’attività coinvolgente e dinamica per il tuo team, #YourBodyIsAPercussion potrebbe essere la scelta perfetta per portare la tua azienda a nuovi livelli di coesione e successo. Anche se tra i piani di sviluppo aziendale non era prevista la creazione di una band! 😉

Nicoletta Tamberini Sarnico (BG) maggio 2024
Nicoletta T. conduce #YourBodyIsAPercussion

Per maggiori informazioni su #YourBodyIsAPercussion e su come organizzare questa attività per il tuo team, visita il nostro sito web e contattaci. Scopri come la musica del corpo può trasformare il tuo team!

Marco Menoncello

www.corefab.it

Foto: www.unopuntoquattro.it

Team building Lago di Como gita in barca

Esplora il Lago di Como: team building e eventi aziendali con Corefab s.b.

Il Lago di Como, con le sue acque serene e i panorami pittoreschi, rappresenta il luogo ideale per rinnovare lo spirito di squadra e ospitare eventi aziendali memorabili. Se state pensando di organizzare un ritiro aziendale o un evento speciale, noi di Corefab s.b. siamo qui per aiutarvi a realizzare una esperienza che sia tanto efficace quanto incantevole.

Baita TreeB Bellagio Lake Como
Baita TreeB Bellagio – Lago di Como

Scegliere il Lago di Como come destinazione per un evento aziendale significa immergersi in un ambiente dove la natura e la storia si incontrano, creando un’atmosfera di tranquillità e bellezza. Questo è uno dei migliori luoghi al mondo dove si può davvero staccare dalla routine quotidiana e permettere alle idee di fluire liberamente, in un contesto stimolante e rigenerante.

Location sul Lago di Como per team building aziendali
L’azienda Safilo durante un evento a Como con COREFAB s.b.

Noi di Corefab s.b. crediamo che ogni gruppo abbia esigenze uniche, e per questo offriamo soluzioni personalizzate per garantire che ogni aspetto dell’evento sia in linea con le vostre aspettative. Che si tratti di un elegante ricevimento, una degustazione di vini in un ambiente esclusivo, o attività di team building progettate per unire e motivare il team, ci impegniamo a rendere ogni esperienza accessibile e piacevole per tutti i partecipanti.

Le attività proposte variano ampiamente, da esercizi di team building che sfruttano le caratteristiche uniche del territorio, a momenti di puro relax e contemplazione della natura, contribuendo a rafforzare il legame tra i membri del team e a promuovere una cultura aziendale positiva.

Entriamo nel dettaglio: 

  • escursioni guidate in montagna (con accompagnatori di media montagna);
  • escursioni guidate in città di Como (con guida turistica);
  • escursioni su taxi veneziani sul Lago di Como;
  • attività di team building sul Lago di Pusiano;
  • escursioni in canoa sul Lago di Pusiano.
Team building location Lago di Como
Scorcio dalla baita TreeB Bellagio – Lago di Como

Organizzare un evento aziendale può essere complesso, ma con il supporto di Corefab s.b., ogni dettaglio viene gestito con attenzione. Offriamo servizi di trasporto, dalla logistica dei bus per raggiungere le location prescelte, fino alla possibilità di scegliere luoghi facilmente accessibili a piedi dall’hotel. Oltre alla logistica, ci occupiamo di arricchire l’evento con musica dal vivo, guide turistiche esperte e tour in barca per un’immersione completa nella bellezza del lago.

Non trascuriamo nemmeno il lato culinario: la gastronomia locale, con i suoi sapori genuini e ricette tradizionali, giocherà un ruolo fondamentale nell’evento, arricchendo l’esperienza con i gusti autentici della cucina italiana, tra cui quelli offerti da Como e la suggestiva Bellagio.

Alcuni esempi?

  • cene di gala presso le migliori ville di Como e dintorni;
  • trasferte con taxi veneziano con cene in ristoranti sul lago;
  • cena tipica in baita montana a Bellagio;
  • aperitivi e party in villa, con musica dal vivo, dj o intrattenimento teatrale;
  • summer party presso la nostra location preferita sul vicino Lago di Pusiano, nell’area di Como.
Location per eventi aziendali Lago di Como
L’azienda Edana (Belgio) durante un evento con COREFAB s.b. – Lago di Como

Optare per Corefab s.b. per il vostro prossimo evento aziendale sul Lago di Como significa scegliere un partner appassionato e attento, che mette le vostre necessità al centro di ogni decisione. La nostra promessa è quella di lavorare a stretto contatto con voi per creare un evento che non solo soddisfi, ma superi le aspettative, in uno dei paesaggi più incantevoli d’Italia e del mondo. Siamo qui per aiutarvi a trasformare un semplice off-site aziendale in un’esperienza che fortifichi il team e lasci un’impronta duratura.

Marco Menoncello

#siamotuttiindispensabili

Foto: www.unopuntoquattro.it

Monitorare andamento attività di team building

Team building: 5 ragioni per cui è importante monitorare l’andamento delle attività.

L’attività di team building è sempre un momento speciale nella vita di un’azienda. Chi ne organizza con finalità meramente ludiche, per far divertire i partecipanti e permettere a tutti di stare bene insieme, staccando la spina dalla routine lavorativa quotidiana. Chi preferisce abbinare un tema all’attività, cercando di generare un impatto diverso sui partecipanti e con l’intenzione di renderla un’esperienza formante a tutti gli effetti. Chi invece abbina l’attività di team building a dei percorsi di formazione ancora più strutturati, con il chiaro intento di mettere in pratica metaforicamente quanto si è appreso. 

Insomma, qualunque sia il caso, l’attività di team building si pianifica, si organizza, si fa e poi finisce. E quando finisce giunge il momento di raccogliere le sensazioni dei partecipanti. Secondo noi di CoreFAB ci sono almeno 5 ragioni per cui deve essere considerato fondamentale intervistare le persone al termine di un’attività di team building. 

Indice gradimento attivita di team building
Lo staff di Tecnomat compila il sondaggio al termine della versione natalizia di #Foodietales

Monitorare il comportamento dei partecipanti consente di valutare l’efficacia dell’attività di team building. Analizzando le risposte e le reazioni, è possibile comprendere se gli obiettivi prefissati sono stati raggiunti e se l’esperienza ha avuto un impatto positivo sulla coesione e la collaborazione del team. Attenzione, non si tratta meramente di comprendere l’indice di gradimento dell’attività, ma di porre una serie di domande che possano permetterci di verificare quale sia stata l’interpretazione che le persone hanno avuto dell’attività svolta. E farne seguire una corretta interpretazione. 

Osservare il comportamento delle persone fornisce preziose informazioni su quali elementi dell’attività di team building hanno avuto maggior successo e quali potrebbero essere migliorati. Questi dati consentono di adattare e ottimizzare le strategie future, creando esperienze più personalizzate e mirate. In questo caso, non stiamo parlando tanto degli organizzatori (che in ogni caso non possono prescindere dal monitoraggio delle proprie attività), ma ancora delle risorse dell’azienda. Ogni questionario, se ben posto, può fornire preziose informazioni su quello che potrà essere organizzato, con ancora più successo, in futuro. 

L’analisi del comportamento post-attività può rivelare nuove dinamiche di gruppo e individuare talenti o leadership emergenti. Capire come le persone si relazionano e emergono in situazioni di team building può essere un indicatore utile per lo sviluppo del talento e la pianificazione successiva delle risorse umane. Non dimentichiamo infatti quanto l’attività di team building possa essere considerata, sempre e comunque, un potentissimo rompighiaccio capace di rimescolare le carte in gioco, capace quindi di rimodulare i ruoli definiti dall’organigramma. L’attività di team building è un “palco” sul quale le persone tornano ad essere semplicemente se stesse, dimenticando ciò che ogni giorno fanno in azienda. 

individuare attivita team building efficaci
Lo staff di Chromavis Fareva compila il questionario al termine di una sessione di #Orienteering

Tracciare il comportamento dei partecipanti, interpretando le risposte consegnate, aiuta a misurarne il livello di coinvolgimento e motivazione. Questi dati forniscono informazioni vitali sulla soddisfazione complessiva e sull’entusiasmo del team, elementi cruciali per mantenere un ambiente di lavoro positivo e produttivo. Ma anche utilissimo agli organizzatori così come ai referenti aziendali con cui si organizza l’attività, per progettare scenari futuri sempre più adatti alle dinamiche del gruppo di colleghi, dei propri team di lavoro. 

Presentare dati concreti sul comportamento post-attività attraverso report strutturati consente ai professionisti delle risorse umane e ai manager aziendali di comunicare chiaramente i risultati ottenuti. E permette alla risorse in azienda di attribuire un valore concreto alle attività organizzate. In altre parole, è anche un modo molto semplice e inequivocabile per fidelizzare il proprio team, il proprio gruppo di colleghi, trovando nuovi spunti per aprire dibattiti e cercare di rendere sempre più inclusivo l’ambiente di lavoro. 

Noi di CoreFAB la pensiamo così. E cerchiamo di fare del nostro meglio per ottenere dati interessanti ogni anno. Come? Intervistando tutti i partecipanti alle nostre attività, con un questionario unico, anonimo e online, che viene proposto a tutti, indipendentemente dall’attività svolta. Un questionario, quindi, che di anno in anno viene aggiornato, ma solo al termine di un’attenta valutazione dei dati raccolti, degli scenari analizzati. Con quale scopo? Quello di aiutare le aziende che hanno bisogno di fare una scelta; le aziende che per la prima volta ci fanno una richiesta; le aziende che pensano già di sapere molto sui propri colleghi ma rimangono sorprese dall’esito inaspettato di un questionario, semplice ma chiaro, come il nostro. 

Ecco i finali raccolti nel 2023: https://www.corefab.it/survey/
Ci risentiamo tra un anno per capire come sono cambiate le cose!

Lo staff di CoreFAB

#siamotuttiindispensabili

Foto: www.unopuntoquattro.it

Come scegliere attività di team building

10 cose da sapere prima di scegliere l’attività di team building ideale per la tua azienda.

Se pensavi che organizzare attività di team building per i tuoi colleghi fosse una cosa semplice, ti suggeriamo un decalogo di riflessioni, prima di fare la tua scelta. O meglio ancora, prima di contattare CoreFAB o una qualunque altra azienda che abbia come scopo principale l’organizzazione di attività di team. Non pretendiamo di esaurire la quantità di riflessioni possibili. Questi spunti, tuttavia, potrebbero essere un buon inizio.

Definisci gli obiettivi dell’attività di team building. Qual è la ragione per cui vorresti organizzare un’attività di team building? Cosa vuoi ottenere dall’attività? Cosa vorresti ottenere dai partecipanti? Migliorare la comunicazione, aumentare la fiducia, stimolare la creatività, ragionare sul senso di appartenenza? Queste domande e le relative risposte aiuteranno noi (il fornitore) a suggerire l’attività più adatta; aiuteranno voi (il cliente) a circoscrivere l’ambito d’azione dell’intervento. Meglio che gli obiettivi siano pochi, chiari e raggiungibili. Un team che raggiunge un risultato insieme è un team soddisfatto. Un team che più facilmente potrà trasferire quanto imparato durante l’attività, nel proprio ambiente di lavoro. 

indoor team building idee
Arval durante una sessione di #YourBodyIsAPercussion all’UCI Cinemas di Firenze

Considera le dinamiche di squadra già esistenti e le personalità dei membri del team. Quanto è profonda la tua conoscenza del team? Quanto è profonda la tua conoscenza delle singole persone che compongono quel team? Una delle principali ragioni per cui ti poniamo queste domande è che, molto spesso, le attività di team building sono organizzate a squadre. Le squadre devono essere equilibrate ed eterogenee. Senza pensare, almeno per una volta, all’organigramma aziendale. 

Scegli una data e un orario che siano convenienti per la maggior parte dei partecipanti. Assicurati di pianificare l’evento in modo che non interferisca con scadenze critiche o periodi di picco di lavoro. E ricordati di contemplare anche i tempi necessari per raggiungere la destinazione da parte di tutti.

Scegli attività di team building che siano adatte agli obiettivi e alle dimensioni del tuo team. Può trattarsi di giochi, attività all’aperto, sessioni di formazione, o una combinazione di queste. Se stai facendo un brief con il tuo fornitore, chiedi sempre le ragioni per cui ti stiamo facendo una proposta piuttosto che un’altra. L’attività di team building non è un soprammobile con colore e forma definiti. Si tratta piuttosto di un’attività di cui conosci l’inizio, ma non sempre la fine. Pertanto, anche ideare gli scenari conclusivi potrebbe essere un dettaglio importante per la tua organizzazione.

Seleziona una posizione appropriata e assicurati che sia accessibile a tutti i partecipanti. Considera anche la logistica, come il trasporto, l’alloggio e le strutture disponibili. Che si noleggi un transfer, o si faccia car-pooling, non sottovalutare le opzioni disponibili per inquinare il meno possibile. 

Se le attività richiedono una guida, assicurati di avere facilitatori capaci di condurre il gruppo. Questi possono essere membri interni con competenze specifiche o professionisti esterni specializzati in team building. Per fare questa scelta, è importante interrogarsi su quale potrebbe essere l’esito dell’attività, ma anche un possibile prosieguo futuro. Se l’attività di team building diventasse qualcosa di abituale, potrebbe trasformarsi in un rituale per i tuoi colleghi, generando grandi aspettative ogni qualvolta ne proporrai. E questo rituale potrà contribuire, nel suo piccolo, al perfezionamento di una cultura aziendale che mette le persone al centro. 

Le migliori attivita di team building outdoor
Chromavis Fareva alla fine di una sessione di #Orienteering a Selva di Clusone (BG)

Chiedi al fornitore quale sia il suo modo per raccogliere feedback sull’attività, sull’esperienza fatta. E come tu possa utilizzare questi dati per riflettere su quanto farai in futuro. Per riflettere insieme ai tuoi colleghi, su quale possa essere un buon modo per organizzare una prossima esperienza. 

Comunica chiaramente i dettagli dell’evento, compresi gli obiettivi, la data, l’orario, la posizione e qualsiasi altra informazione importante. Assicurati che tutti i partecipanti siano ben informati e siano a conoscenza di cosa aspettarsi. E non dimenticare di offrire informazioni adeguate sul vestiario più adatto a godersi l’attività insieme. Soprattutto per i casi in cui l’esperienza sarà all’aperto, in natura. 

Stabilisci un budget definito per l’evento. Per l’intero evento, non solo per l’attività di team building che ti proporremo. Quando avrai deciso quale budget dedicare all’evento, o all’attività di team building, non condividerlo subito con il fornitore. Ti sembrerà assurdo che un’azienda come la nostra ti suggerisca un comportamento simile, ma questa scelta ha un perché e non è affatto controproducente, nemmeno per noi. Preferiamo preoccuparci di creare percorsi di crescita che eventi singoli. Chiedi al fornitore un racconto chiaro  di esperienze in scenari simili al tuo. E prova a progettare un percorso più ampio per la tua organizzazione. Il beneficio sarà maggiore e il budget che avevi previsto potrebbe essere modificato in base a quelle che saranno le principali esigenze della tua organizzazione. 

SkillGames team building Outdoor
Met durante una sessione di #TrainYourTeam sul Lago di Pusiano, Merone (CO)

L’attività di team building può essere un momento spensierato e divertente per te e i tuoi colleghi. Un momento tanto felice da dimenticare eventuali dissapori per generare un nuovo clima. Approfitta di questo stato di benessere momentaneo per rimediare ad alcune situazioni. O per trasmettere, alla fine, dei messaggi importanti: la soglia dell’attenzione potrebbe essere più alta e la percezione del tuo messaggio migliore, rispetto allo stesso messaggio ascoltato da dietro la scrivania.

Ecco: non è tutto, ma è molto. Ordina questo decalogo come preferisci e preparati a fare la tua richiesta. Non avere fretta. Faremo del nostro meglio per rispondere a tutte le tue domande. Così come per raggiungere tutti i tuoi obiettivi. 

Marco Menoncello

#siamotuttiindispensabili

Foto: www.unopuntoquattro.it

Team building musica

Team building e musica – l’armonia in azienda non è semplicemente utile. È indispensabile. 

La musica è democratica e molto più coinvolgente della politica. La musica è la lingua di tutti. Anche di chi poliglotta non è. Anche di chi, per natura, la stona. Che poi anche stonare è un modo molto personale di essere creativi e liberi, non trovate? La musica è liberatoria, esprime più di quanto riusciamo a raccontare, coinvolge più di quanto possiamo immaginare, genera benessere ed è sicuramente un modo intelligente ed efficace per creare armonia nel team, provarla (l’armonia del team) e farne tesoro (affinché quell’armonia si conservi nel tempo).

Proprio partendo da questo presupposto, Corefab società benefit ha inserito a suo tempo #YourBodyIsAPercussion nel ventaglio delle poche (ma indispensabili) proposte di team building in capo all’azienda. L’attività, capitanata da Nicoletta Tiberini (foto), prende il nome da un invito. Un invito che facciamo a tutti: quello di ricordare come le nostre parole, i nostri segnali e i nostri movimenti siano sempre in grado di farsi eco nello spazio, nel tempo, tra le persone. Nella comunità in cui lavoriamo o viviamo. E come, se coordinate, possano dare vita ad un ensemble armonioso ed emozionante (che è poi davvero il fine ultimo di questa attività di team building). Un’attività nella quale la non-partecipazione non è, infatti, possibile. Perché il risultato d’insieme, la performance finale, si può solo ottenere insieme, appunto. Elementare, Watson!

Comunicazione collaborazione team building musica Corefab
Il team di Arval all’Uci Cinema di Firenze durante una sessione di #YourBodyIsAPercussion

Ciò premesso, quali sono i vantaggi che un’attività di team building a tema musicale (non solo la nostra, ci mancherebbe) può offrire? Vantaggi che possano ripercuotersi sul gruppo e sulla sua integrità. Eccone alcuni:

Comunicazione e collaborazione

Fare musica insieme richiede capacità comunicativa e stretta collaborazione tra i membri del team. Per eseguire una canzone o comporre una melodia, i partecipanti devono ascoltarsi attentamente, coordinare i loro sforzi e sincronizzare le azioni. Questa esperienza potenzia la capacità di comunicare in modo chiaro e costruttivo e incoraggia il lavoro di squadra.

Rafforzamento identita aziendale
Il team di CBRE GWS durante la sessione di #YourBodyIsAPercussion all’Hotel Living Place di Bologna

Creatività e problem-solving

La musica è un’arte che sprona la creatività. Durante l’attività, i partecipanti saranno incoraggiati a esplorare nuove idee, sperimentare con suoni e arrangiamenti e trovare soluzioni creative per raggiungere gli obiettivi musicali. Questa stimolazione creativa si riflette positivamente anche nella risoluzione di problemi sul luogo di lavoro.

Gestione dello stress coesione del team
Il team di Erion durante una sessione di #YourBodyIsAPercussion presso Impact Hub, Milano

Gestione dello stress e coesione del team

Suonare/cantare insieme e creare musica può essere un modo efficace per liberare lo stress e rilassarsi. Lavorare insieme per raggiungere un obiettivo musicale comune crea un senso di realizzazione e aumenta la coesione del team. I momenti di divertimento e gioia condivisi durante l’attività possono contribuire a ridurre le tensioni e migliorare l’ambiente lavorativo.

La musica e un arte che sprona la creativita
Il team di Kering durante una sessione di #YourBodyIsAPercussion presso Hilton Lake Como

Leadership e fiducia

In un’attività musicale di team building, diversi membri del gruppo potrebbero essere coinvolti come leader in diversi momenti. Questo offre l’opportunità di sperimentare, sviluppare e potenziare le competenze di leadership dei partecipanti, incoraggiandoli a prendere iniziative e guidare gli altri membri del team. Aumentando la fiducia in se stessi e nelle proprie capacità, i partecipanti si sentiranno più coinvolti e motivati nel contesto lavorativo.

YourBodyIsAPercussion Nicoletta Tiberini
Nicoletta Tiberini invita il pubblico a cantare

Rafforzamento dell’identità aziendale

Un’attività di team building a tema musicale può essere personalizzata per riflettere la cultura e i valori dell’azienda. Questo contribuisce a rafforzare il senso di appartenenza al marchio e all’identità aziendale tra i dipendenti, favorendo un ambiente di lavoro coeso e positivo.

Ascolto

Ultimo ma non per importanza: per suonare insieme, i partecipanti devono imparare ad ascoltarsi reciprocamente con attenzione. Questo stimola l’ascolto empatico, una competenza preziosa anche nell’ambito professionale. Un team in cui tutti si sentono ascoltati e compresi (anche quelli che stonano o difficilmente stanno a ritmo, giusto per fare un esempio pratico) è più efficace nel risolvere problemi e prendere decisioni collettive.

Che ci crediate o no, #YourBodyIsAPercussion contiene tutti questi elementi. E Nicoletta, riesce a farveli sperimentare tutti nell’arco di circa 150 minuti di attività dinamica e (prova ne sono le foto) divertente. Ci sono rischi? Ovviamente. Alcuni dei partecipanti, il lunedì successivo in ufficio, salutano i colleghi cantando o schioccando le dita. Un rischio trascurabile, no? 🙂

Marco Menoncello

Foto: Unopuntoquattro.it

Il 70% della popolazione aziendale è entusiasta all’idea di fare team building

Il 70% della popolazione aziendale è entusiasta all’idea di fare team building, ancora prima di sapere cosa gli sarà proposto. Cosa dicono gli altri? 

L’attività di team building guadagna sempre più popolarità all’interno delle aziende come strumento per migliorare la collaborazione e generare un clima aziendale positivo. La survey proposta da Corefab società benefit nel corso del 2023 sta rivelando (finirà il 31 dicembre, ndr) che il 70% dei dipendenti aziendali intervistati ammette di essere entusiasta all’idea di partecipare a queste attività prima ancora di sapere con precisione cosa l’azienda ha organizzato per loro; mentre il restante 30% ha mostrato reazioni più contrastanti. 

Favorire situazioni che possano migliorare nel breve e lungo termine il clima aziendale
CoeClerici a Dubai (UAE) per una sessione di sand surfing nel Deserto delle Dune Rosse (novembre 2022)

La ricerca, che ha coinvolto un campione contenuto e comunque rappresentativo di lavoratori provenienti da diverse aziende con le quali Corefab ha lavorato nella prima metà di quest’anno (per un totale di oltre 500 persone tra gennaio e giugno 2023, con un tasso di completamento della survey – anonima e online – di poco inferiore al 90%), ha fornito interessanti spunti anche sull’atteggiamento dei dipendenti che non accolgono tanto favorevolmente l’invito a partecipare ad un’attività di team building. Il 23% del gruppo si è dichiarato titubante all’invito aziendale, mentre solo il 6% ha manifestato indifferenza e l’1% ha espresso apertamente fastidio.

L entusiamo che i team building regala
Il team di Erion balla durante una sessione di #YourBodyIsAPercussion – Milano (settembre 2022)

La maggioranza schiacciante dei dipendenti aziendali che hanno partecipato all’indagine ha dimostrato un atteggiamento positivo nei confronti del team building e dell’idea di partecipare ad una giornata straordinaria. Ciò suggerisce che la maggior parte dei lavoratori potrebbe apprezzare non tanto o solo i benefici che derivano (direttamente o meno) dall’interazione con i colleghi in un contesto diverso da quello lavorativo quotidiano (su quello, ovviamente, bisogna poi lavorare con costanza), quanto piuttosto la disponibilità dell’azienda a favorire situazioni che possano migliorare, nel breve e lungo termine, il clima aziendale.

Secondo gli intervistati entusiasti (abbiamo poi “chiacchierato apertamente” con molti di loro, pur rimanendo nel totale anonimato delle risposte), il team building offre diverse opportunità per costruire relazioni più solide con i colleghi, migliorare la comunicazione, sviluppare competenze di leadership e stimolare la creatività. Le attività di team building, come giochi, sfide all’aperto o workshop collaborativi, offrono un ambiente informale in cui i dipendenti possono interagire e conoscersi meglio. Ciò porta a un maggiore senso di coesione e collaborazione nel contesto aziendale. Insomma, una serie di ingredienti indispensabili per amalgamare il gruppo e per chiarire, una volta per tutte, che la crescita individuale e quella di gruppo sono due facce della stessa medaglia

Il format drinkndraw di Corefab
Uno dei team di Otovo all’esito della sessione di #DrinknDraw presso Corefood Cormano (giugno 2022)

Tuttavia, il sondaggio ha anche rivelato che una piccola percentuale di dipendenti (“piccola” fino ad un certo punto) ha reagito in modo meno positivo all’idea di partecipare all’attività di team building. Il 23%, i titubanti, potrebbe avere alcune preoccupazioni o riserve riguardo all’efficacia o all’utilità di queste attività. Oppure, ancora più semplicemente, potrebbe aver vissuto esperienze precedenti negative che possono avere peggiorato le proprie aspettative. Qualunque sia il caso, l’idea di non avere certezza sull’attività proposta si mischia, indissolubilmente all’idea di non sapere quale potrebbe essere l’esito (o la ragione) per cui l’attività è stata organizzata. Queste presumiamo siano le principali ragioni della titubanza.

D’altra parte, il 6% è anche indifferente: gente che potrebbe semplicemente non mostrare particolare interesse per il team building o potrebbe preferire altre forme di interazione sociale al di fuori dell’ambiente aziendale. Qualcosa – come una semplice pizzata, ad esempio – per la quale tutti si sentono pronti, già preparati; dove il rischio di sorprese o imprevisti è davvero ridotto all’osso. Insomma, una situazione più facile da gestire soprattutto da chi non è avvezzo alle sorprese o non è sempre a proprio agio in una situazione di confronto con gruppo, fuori dall’ordinario. Infine, solo l’1% degli intervistati ha espresso apertamente fastidio all’idea di organizzare/vivere un’attività team building. Questa minoranza potrebbe avere motivazioni personali o preferenze diverse che li porta a non apprezzare le attività di questo tipo. Nonostante l’1% sembri qualcosa di trascurabile, è bene comunque tenerne conto per supportare chiunque facesse fatica ad integrarsi nel gruppo. E in quel caso sarebbe utile capire come accogliere questi colleghi, con lo scopo di aiutarli a vivere anche l’esperienza lavorativa più serenamente. 

In conclusione, siamo certi che le aziende debbano prendere sempre in seria considerazione i diversi atteggiamenti e le esigenze dei dipendenti al fine di creare esperienze di team building significative e coinvolgenti. Attraverso la progettazione di attività adatte a tutti, inclusive e associate ad una comunicazione chiara degli obiettivi, è possibile massimizzare i benefici che queste iniziative possono apportare, promuovendo un ambiente di lavoro sano, stimolante e produttivo per tutti i dipendenti. Ciò non significa che dovrete rinunciare all’effetto sorpresa e raccontare dettagliatamente quali siano le opportunità/idee proposte per fare team building prima della data utile. Sarà magari sufficiente svelare l’attività un passo alla volta, comunicando a tutti che chiunque avesse qualunque perplessità circa l’esperienza programmata potrà serenamente confrontarsi con l’HR o con la persona che, in azienda, sarà la responsabile dell’evento. 

Cosa potremmo desiderare di ottenere in cambio? Che nel tempo, quel 30% di popolazione aziendale non ancora entusiasta possa confluire nel restante 70%, contribuendo ad un processo di costante miglioramento del clima aziendale. 

Marco Menoncello
Importanza fotografie nei team building

L’importanza delle fotografie nell’attività di team building: catturare quei momenti che rafforzano il team.

L’attività di team building è diventata un elemento essenziale per il successo delle organizzazioni e delle aziende. Oltre a promuovere l’interazione e la collaborazione tra i membri del team, queste esperienze offrono una serie di benefici che possono durare nel tempo. E proprio con il desiderio di fare eco, nel tempo, alle attività e a quella piacevole sensazione di energia tra i partecipanti, non possiamo dimenticare che tra gli strumenti più preziosi per catturare e preservare l’essenza di queste esperienze ci sono le fotografie. Ecco perché, alle volte è bene ricordare perché è importante fotografare l’attività di team building e come le immagini possono contribuire a consolidare e valorizzare il lavoro di squadra.

Team building Corefab sulla neve
#SurvivalGames sulla neve con l’azienda Greenflex a Gressoney (dicembre 2022)

Ricordi tangibili che durano nel tempo:

per quanto elementare sia questo concetto, le fotografie consentono di conservare ricordi tangibili dell’attività di team building. Mentre le esperienze possono svanire nella memoria nel corso del tempo, le immagini permettono di rivivere quei momenti speciali. Possono essere conservate e consultate in qualsiasi momento, creando un collegamento duraturo con l’esperienza di team building e rinforzando l’entusiasmo e il senso di appartenenza al gruppo. Ovviamente vale per le attività di team building come per qualunque altra cosa. Ma molti non ci pensano e dimenticano di usare, nel tempo, le foto raccolte, lasciandole in letargo in qualche hard disk. 

team building Milano coesione con Corefab
#DrinknDraw con l’azienda Gecal presso il golf club Chervò di Pozzolengo – BS (giugno 2023)

Promuovere l’interazione e il senso di appartenenza:

di seguito al punto che precede, non dimentichiamo quindi che le fotografie dell’attività di team building possono essere condivise con tutti i partecipanti. Questa condivisione crea un legame più forte tra i membri del team e promuove l’interazione sociale. Le immagini offrono l’opportunità di rivivere insieme quei momenti significativi, di commentarli e di condividere le emozioni vissute. Ciò rafforza il senso di appartenenza al team e crea una connessione più profonda tra i membri. Soprattutto quando l’attività ha funzionato e i colleghi (non solo in foto) sorridono! 🙂 

Strumento per la promozione interna ed esterna:

le fotografie possono essere utilizzate come strumento di promozione interna ed esterna dell’organizzazione. Quando condivise internamente, le immagini trasmettono un messaggio positivo sull’impegno dell’organizzazione nel favorire il benessere dei dipendenti e lo sviluppo del team. All’esterno, le fotografie mostrano un’immagine accattivante dell’azienda, evidenziando l’importanza data alla costruzione di un team coeso e motivato. Possono essere pubblicate sui siti web, sui profili dei social media o utilizzate in materiali promozionali. “Elementare Watson”, direbbe il noto Holmes. Tuttavia le aziende che non fanno questa scelta sono ancora moltissime. E il tema del benessere rimane ancora da esplorare ampiamente. 

Lego team building con Corefab e Daniele Cassioli
#LaSvista con Daniele Cassioli e Marcos Sanchez per Doctolib, a Milano, presso gli uffici di WeWork (luglio 2023)

Valutazione e miglioramento:

le fotografie offrono una prospettiva visiva dell’attività di team building e possono essere utilizzate come strumento di valutazione e analisi. Osservando le immagini, è possibile valutare l’atteggiamento dei partecipanti, l’interazione tra di loro e identificare eventuali aree di miglioramento. Le fotografie possono essere utilizzate come punto di partenza per discussioni e feedback post-evento, consentendo al team di riflettere sull’esperienza e di apportare eventuali modifiche o regolazioni per le future attività di team building. Un modo per dire che, insomma, divertirsi è bene. Analizzare poi il modo in cui ci si è divertito è meglio. Anzi, è incredibilmente utile per capire come le persone si sono relazionate tra loro e come progettare le prossime attività. 

Materiali di formazione e comunicazione:

last but not least, e ancora una volta per quanto scontato possa sembrare, le fotografie possono essere integrate in presentazioni o materiali di formazione relativi all’attività di team building. Possono essere utilizzate per illustrare i concetti, le dinamiche di gruppo e le esperienze vissute. Le immagini rendono il materiale più coinvolgente e permettono ai partecipanti di visualizzare gli aspetti chiave dell’attività. Inoltre, le fotografie possono essere condivise anche con i nuovi membri del team, fornendo loro un’idea visiva delle esperienze passate e dell’identità del gruppo. Un modo 2.0 per dare il benvenuto alle nuove risorse. E fargli sperare che, prima o poi, arriverà anche il loro momento di cimentarsi in qualche esperienza simile, mettendo in gioco il proprio ruolo. 

Ecco perché Corefab garantisce ai propri clienti la possibilità di raccogliere un reportage fotografico delle attività organizzate durante l’anno. Un modo utile anche per staccare la spina, posare il proprio cellulare e fare in modo di concentrarsi su quelle attività, giocose o sfidanti, che richiedono l’impegno di tutti. E soprattutto un metodo assolutamente efficace per immortalare quell’impegno straordinario di cui siamo capaci tutti, fuori dagli schemi dell’organigramma. 

Marco Menoncello
Foto: www.unopuntoquattro.it
team building location Firenze con Corefab

Team building – il cambiamento c’è e noi lo raccontiamo (quasi senza veli). La parola a Nicoletta Caccia. 

Secondo Richard Sennet “la pratica della collaborazione in condizioni difficili può aiutare gli individui e i gruppi a prendere coscienza delle conseguenze delle loro azioni”. Vero. Senza dubbio. E quali sono le cosiddette “condizioni difficili”. Un’esperienza di sopravvivenza estrema? Una performance sportiva professionale di alto profilo? O più semplicemente, un’attività di team building che preveda di mettere a fattor comune la creatività di tutti i partecipanti per raggiungere un risultato. Creatività che spesso è latente (“vorrei, ma nel mio mestiere non è richiesta”), ahimé distante dalla propria visione (“team building? Un ottimo modo per perdere del tempo”), inaspettata (“davvero? Non immaginavo che potessimo arrivare a quel punto”). Insomma, per farla breve: chi ha detto che guadare un fiume sia più semplice che raccontare sé stessi ad un gruppo di colleghi. E così che Corefab, quando ha conosciuto Nicoletta Caccia (persona alla quale a brevissimo, lascerò la parola), ha spiegato perché #DrinknDraw in un caso (anzi tre) e #LaSvista in un altro, potevano essere degli ottimi apripista e rompighiaccio per approfondire la conoscenza di colleghi. Per aumentare il senso di appartenenza all’azienda. E per celebrare il processo di cambiamento con qualche attività che potesse emozionare i partecipanti, in un clima culturale stimolante. Va da sé che, come spiega ancora Sennet, ci sia bisogno di perizia, di esperienza, anche per allenare il processo di collaborazione. Ragion per cui il contributo di Corefab non è di per sè sufficiente se dall’altra parte, quella dell’azienda, non c’è qualcuno che abbia a cuore i suoi colleghi e sia disposto a mettersi in “gioco” (quello torna sempre, come vedete) per lasciare il segno.

Una bilancia sulla quale cuore e cervello hanno il medesimo peso – esito dell’attività #LaSvista con Alfamation.

In ALFAMATION spa quel “qualcuno” l’abbiamo trovato. Anzi, qualcuna. Si chiama Nicoletta Caccia, è una mamma, una professionista, una lettrice accanita e un’entusiasta. Non che lo facciamo apposta, ma alle volte sembra che Corefab abbia la facoltà di scegliere i propri clienti!

Ad ogni modo, Nicoletta, ti abbiamo presentato bene o manca qualcosa?

Benissimo, soprattutto mi piace che per prima cosa mi abbiate definito una mamma 😊. L’entusiasmo non manca, i libri neppure, la professionalità spero venga da sé.

Daniele Cassioli introduce il format di team building #LaSvista al management team di Alfmation.

Partiamo dall’inizio, anche perché dalla fine di solito non funziona: qual è lo stato dell’arte di Alfamation? E perché in questo momento hai deciso che ci fosse necessità di fare attività di team building e/o altri percorsi in linea?

In realtà, come sempre, nessuno fa niente da solo. Il suggerimento di provare ad organizzare “qualcosa” (all’inizio non meglio definito), è venuto proprio da un collega. Le cose calate o imposte dall’alto si sa che non funzionano quasi mai: il fatto che l’esigenza nascesse dai colleghi stessi, è ciò che mi ha spinto e motivato ad andare avanti a spron battuto. Certo, era comunque una sfida visto che attività simili non erano mai state organizzate, ma per fortuna mi sono imbattuta in COREFAB e la voglia di fare qualcosa tutti insieme si è amplificata sempre più. 

Al di là di Alfamation, e pensando anche alla tua esperienza in altre realtà, c’è una buona pratica, un modello, un’idea che ti senti di suggerire a chi si trova nelle condizioni di avere un ruolo analogo al tuo in una nuova azienda?

Beh, questa è una domanda difficilissima perché anche io, come tutti coloro che hanno ruoli simili al mio, mi barcameno come posso in acque spesso turbolente. Questo ruolo negli ultimi anni è cambiato tantissimo. Si deve stare sempre al passo e tenere gli occhi aperti e tutti i canali di aggiornamento attivi. Oltretutto, prima della dolorosa esperienza del COVID, era anche un po’ sottovalutato. Con la pandemia, ecco che gli HR di tutto il mondo sono tornati alla ribalta! Dovevano dire, comunicare, decidere in fretta cosa fare, studiare ogni giorno una normativa diversa, seguire migliaia di webinar, emanare regolamenti di smart working, ma salvaguardando la produttività, gestire anche eventualmente delle crisi aziendali, ecc. Insomma ci sarebbe voluta la bacchetta magica e/o anche la sfera di cristallo per interpretare semplicemente il giorno successivo, non i mesi successivi! Amici “maghi” dell’HR, di colpo ci siamo trovati esperti di congedi di nuova creazione, comunicazione interna, permessi di circolazione, lavoro agile, cassa integrazione, onboarding e formazione da remoto e chi più ne ha più ne metta. Ed il mondo si è accorto di noi! La flessibilità e versatilità estrema conquistate durante quel difficile periodo penso siano la chiave per affrontare sfide diverse in nuovi contesti. Quello che mi sento di dire è di restare sempre in ascolto, con umiltà: solo mettendosi realmente al servizio delle persone, senza dare nulla per scontato, si troverà la chiave per comprendere i bisogni più reconditi. L’altro consiglio che mi sento di dare (ammesso che sia la persona giusta per dispensarne) è quello di collaborare sempre con le altre funzioni aziendali. Dicevo prima che ci sono stati negli ultimi anni molti cambiamenti circa il perimetro e le competenze di chi fa HR: chi di noi non ha iniziato a lavorare – ad esempio – gomito a gomito con la funzione marketing? In un mondo che cambia così velocemente e nel quale reperire i talenti giusti è davvero complicato, riuscire a giocare di sponda lavorando sul brand aziendale è davvero essenziale.

Come si può ottenere stima e collaborazione da tutti i collaboratori?

Oddio, la stima è davvero una cosa seria; non si concede così, gratuitamente. Lo vediamo anche nel nostro privato: spesso siamo diffidenti verso l’altro e tendiamo a riconoscere con più facilità le caratteristiche negative anziché quelle positive. Io comunque credo che le persone in azienda, più di tutto, vogliano coerenza. Se si professano certi tipi di messaggi o addirittura di valori e poi si agisce in netto contrasto rispetto ad essi, le persone lo avvertiranno e capiranno che dietro all’immagine patinata non vi è alcuna sostanza. Questo le deluderà moltissimo e la disistima prenderà il sopravvento. La stima si conquista facendo delle cose (magari poche!) in linea coi messaggi che mandiamo, non dicendo tante parole che poi alla fine sono vuote. Non basta una brochure aziendale a conquistare i collaboratori, se dietro non c’è un lavoro quotidiano per “fare ciò che si vuole essere” (spero di aver reso l’idea!). La collaborazione, a mio avviso, arriva da sola quando le persone si sentono coinvolte in un progetto vero e genuino e capiscono che siamo tutti indispensabili, come dite voi di COREFAB!

Nicoletta Caccia ed un collega alle prese con il primo lavoro individuale durante il format di team building #LaSvista.

Qual è stato l’esito delle prime attività fatte con COREFAB (#DrinknDraw con un gruppo di 30 impiegati; #LaSvista con un gruppo di 15 manager, ndr).

Direi ottimo. Dalle survey effettuate è emerso che qualcuno aveva dei timori prima di fare l’attività, non sapendo cosa aspettarsi. Dopo averla fatta, invece, emerge una generalizzata soddisfazione e l’invito della popolazione ad andare avanti su questa strada.

Secondo te, è bene inserire l’attività di team building in un percorso aziendale o è preferibile che si tratti di episodi isolati? 

Così come tutti ci hanno suggerito, si vorrebbe inserire questi eventi con una cadenza almeno annuale in un programma aziendale! Il tipo di attività non ha importanza, anche se a molti piacerebbe un evento all’aria aperta: quindi preparatevi per il prossimo anno!

Noi recitiamo come un mantra l’hashtag #siamotuttiindispensabili. Secondo Corefab finché non ci si rende conto di essere tutti indispensabili, difficilmente si riesce a diventare anche responsabili del gruppo e della sua crescita. Tuttavia non tutti crescono con la medesima velocità. Come capire le differenze tra le persone? 

Ad ognuno va lasciato il suo tempo, nel rispetto di ogni diversità. Noi possiamo sollecitare, far riflettere, dare degli spunti, organizzare delle cose ma potrebbe anche esserci qualcuno che non ce la fa, che rimane ancorato al “si è sempre fatto così” e non vuole o non può cambiare. Noi dobbiamo gestire ed occuparci di tutti e tutte, c’è anche chi fa fatica ad inserirsi in un gruppo e riesce a lavorare esclusivamente da solo/a; c’è chi non vuole assumersi alcuna responsabilità perché ha troppa paura, e invece proprio dall’avere team molto eterogenei (per età, esperienza, personalità ecc) attingiamo la nostra ricchezza. Come dicevo prima, possiamo stimolare un cambiamento ed accendere una lucina, ma le cose si fanno sempre in due, tre, quattro, duecento, mille.

A Corefab abbiamo a cuore i ragazzi. Tutti i ragazzi che frequentano le scuole e devono orientarsi nel mondo del futuro. Un futuro molto prossimo che noi, a fatica, sappiamo riconoscere. Che suggerimento daresti a chiunque si trovasse nella condizione di scegliere cosa-fare-da-grande?

Le domande si fanno sempre più difficili.

Siamo di fronte a un drammatico problema demografico: bambini e ragazzi ce ne sono sempre meno. Siamo già su valori di un bambino contro 5 anziani in Italia. Trentenni e quarantenni ce ne siamo fatti scappare moltissimi all’estero. Sarebbe fin troppo facile dire che ognuno dovrebbe seguire le proprie inclinazioni, ma a 13 anni (o anche a 18) che ne sai? Quindi non resta che dar retta a noi genitori (hahaha 😊). Sicuramente alle femminucce consiglierei di intraprendere un percorso STEM 😊. C’è ancora nel nostro paese una grande scarsità di presenza femminile in certe facoltà e/o in certi percorsi lavorativi. La pandemia ci ha insegnato che al mondo servono medici e scienziati, tutto il resto è pressoché inutile 😊. Scherzi a parte, lo sapete meglio di me, ognuno dovrebbe studiare e poi fare qualcosa che lo appassiona, ma non è semplice in un contesto nel quale, appunto, le professioni si evolvono alla velocità della luce ed il perimetro delle varie attività, è solo una linea sfumata. Posso solo dire che, a meno che non si scelga un’attività estremamente tecnica e specifica (da capire quale sia!), le competenze relazionali sono essenziali per qualsiasi lavoro. Saper lavorare in gruppo con gli altri valorizzando l’apporto di tutti, ascoltarli, essere reattivi al cambiamento, imparare a pensare veloce. Le competenze tecniche si possono imparare, sulle doti umane invece bisogna lavorare sin da piccoli. Le aziende dovrebbero imparare a premiare l’attitudine più che la competenza tecnica; invece spessissimo (specie in certi settori) ancora accade il contrario. Quindi fate benissimo voi di COREFAB a supportare questi ragazzi in una fase così delicata della loro vita.

Marco Menoncello e Nicoletta Caccia
Perche DrinknDraw e un ottimo apripista

Team building – Perché #DrinknDraw è un ottimo apripista?

Il paragone con lo sci, secondo noi, è molto azzeccato. Secondo il dizionario online di Treccani, l’apripista è “lo sciatore che nelle prove alpine percorre la pista prima che prenda il via il primo concorrente”. E in senso figurato, molto più interessante per noi, “chi per primo intraprende o sperimenta una nuova attività”. E ancora, secondo il dizionario online de Il Corriere della Sera si tratta dello “sciatore che batte una pista con gli sci per renderla scorrevole”. Come spesso capita nel nostro lavoro, lo sport offre spunti interessanti per l’interpretazione delle attività. Per aiutarci a capirne il senso e comprenderne il valore. Ciò perché ogni attività di team buildingrepetita iuvant – deve essere scelta accuratamente. Il suo svolgimento deve essere chiaro a chi in azienda la propone, la organizza. Altrimenti diventa difficile ipotizzarne gli esiti e, quindi, rendere utile la programmazione di queste attività. Soprattutto quando si tratta della prima volta. 

Guido Groppi racconta il vino durante una sessione di #DrinknDraw a Thiene, Vicenza.

Tornando quindi alla nostra domanda (quella del titolo), e sfruttando a nostro vantaggio il paragone sportivo, noi di Corefab pensiamo che #DrinknDraw sia un ottimo apripista (del benessere aziendale) per almeno tre ragioni che dobbiamo però elencare in senso logico: 

  • sono ancora molte le aziende che non hanno mai organizzato un’attività di team building strutturata. Un’attività che preveda un percorso: una domanda iniziale su cui riflettere, un esito da perseguire. Un’attività che presupponga, effettivamente, la collaborazione di tutti per arrivare ad un risultato. Quasi due su tre delle aziende che ci contattano lo fanno per la prima volta. Ciò ci suggerisce che il primo passo in questa direzione dovrà essere un’attività “apripista”, appunto. Un’attività che possa bussare alla porta dell’azienda, cercando di rendere l’esperienza (e la visione che l’esperienza si porta appresso) scorrevole. Così come fa quel primo sciatore che batte la pista. Diversamente, il rischio che l’esito della prima attività sia negativo è alto, altissimo;
  • se il mercato è davvero composto da attori che di attività di team building non ne hanno mai fatte (o ne hanno fatte poche), è bene che la prima sia un’attività di gruppo dove tutti possano collaborare, ma nessuno, singolarmente, si senta a disagio. Un’attività che preveda un risultato di gruppo e che non costringa nessuno ad esibirsi pubblicamente potrebbe essere l’inizio ideale. Il gruppo potrà proteggere gli elementi più timidi, riservati; i membri più aperti ed estroversi potranno invece contagiare i primi, nella speranza di ottenere un forte risultato di gruppo, anticipando la possibilità di generare un grande senso di appartenenza. Dove ognuno possa acquisire naturalmente il proprio ruolo nel gioco, presumibilmente diverso da quello previsto dall’organigramma aziendale;
  • ultimo, ma non certo per importanza, un mero dato economico: l’azienda che per la prima volta si trovasse nella necessità o volontà di organizzare un’attività di team building per i propri collaboratori potrebbe non conoscere la dimensione dell’investimento necessario. E anche se avesse previsto un budget per l’attività è possibile che sia (ragionevolmente) contenuto. Del resto, quante volte di fronte all’acquisto di qualcosa di “nuovo” meditiamo a lungo prima della scelta, nella speranza di fare l’acquisto più adatto a noi? E magari cerchiamo qualcosa che sia economicamente abbordabile? Ha perfettamente senso: la prima attività di team building, quella che consideriamo l’apripista di una cultura aziendale, deve essere accessibile, abbordabile. Senza tuttavia rinunciare ai risultati. Il primo episodio (così come gli altri, del resto) deve essere qualcosa di memorabile per tutti. O per quante più persone possibili. La prima volta non si scorda mai. Meglio che sia qualcosa di cui si possa avere buona memoria. E che sia divertente. 
Marco Menoncello introduce #DrinknDraw al team di Nexi Digital a Fara Gera d’Adda (BG)

Attenzione, è bene aggiungere un dettaglio importante circa il contesto economico: capita di frequente che l’ostacolo economico sia comunque di entità minore rispetto a quello culturale. Laddove la disponibilità economica sia grande, non è detto che ci sia la cultura per investire nel benessere passando per un’attività che preveda il gioco tra i colleghi. Questa è una ragione in più per cui il primo episodio di team building dovrà essere qualcosa di accessibile e che, nell’arco di due ore e mezza circa, possa generare dei risultati apprezzabili. 

Ora, tornando alla nostra domanda, perché #DrinknDraw è tutto questo? Forse è meglio spiegare nel dettaglio come funziona l’attività.

L’attività di team building #DrinknDraw prevede la creazione di un’etichetta di vino speciale che rappresenti un tema importante su cui l’azienda vorrebbe far riflettere il proprio team, i propri collaboratori. Questa attività prevede la collaborazione di tutti i partecipanti divisi in squadre, pur senza rischiare di esporre eccessivamente i personaggi più riservati, che beneficeranno del gruppo per esprimere il proprio potenziale. Un canvas, con un percorso guidato, aiuterà ogni squadra ad arrivare a destinazioni inaspettate. 

Nella prima fase, un sommelier farà un piccolo brief tecnico, con lo scopo di offrire tre coordinate necessarie alla descrizione tecnica di qualunque vino. E facendone assaggiare un sorso a chiunque volesse (attenzione: non è una degustazione di vino). A seguire, il team builder chiederà alle squadre di nominare “al buio” quattro diversi ruoli per ogni team (mkt manager, copy master, team sommelier e team leader). Fatto ciò i responsabili di ogni team, a turno, riceveranno l’assegnazione di un compito speciale per la loro squadra. La nomina di questi ruoli sarà libera. Il gruppo naturalmente sceglierà chi troverà più adatto al titolo, allo scopo. Pur senza poter prevedere quale task a queste persone verrà assegnato. È così che capita spesso che alcuni si sentano di osare, di lanciarsi, contagiati proprio dalla forza del gruppo

Uno dei team di Otovo, al termine di #DrinknDraw, si prepara per la foto “di cantina”

Nella seconda fase, a tempo, ogni squadra, seguendo il canvas di cui abbiamo fatto cenno, dovrà inventare e raccontare la storia del suo vino, della sua etichetta speciale, parafrasando il team assegnato inizialmente. Ciò mentre una parte del team, con i materiali contenuti in una speciale box di legno, si impegnerà per realizzare l’etichetta del proprio vino, cercando di confezionare la propria bottiglia vuota al meglio delle proprie possibilità e realizzando anche una speciale coreografia per la “foto di cantina”. Questa è la tipica situazione nella quale tutti fanno qualcosa. Tutti si sentono chiamati a dare il proprio contributo per lo svolgimento dell’attività. E laddove non lo facessero, si tratterà solo di dar loro di tempo. Qualche minuto in più per testare il clima del gruppo e trovare il momento giusto per intervenire. Per dire la propria. Per contribuire al risultato. 

Al termine, uno o più rappresentanti per ogni team, racconterà alla popolazione aziendale il proprio vino, la propria interpretazione del messaggio assegnato inizialmente per tramite dell’etichetta creata. Aggiungendo poi le ragioni che lo rendono speciale, diverso, originale. Il team userà il canvas per preparare il proprio speech e dovrà esibire l’etichetta di vino speciale realizzata, preparando il terreno per una conclusione che sia un’occasione per condividere un pensiero creativo con i propri colleghi celebrando il proprio team. Il risultato, sempre inaspettato e sempre originale, permetterà di condividere determinate capacità creative personali, collaborando e promuovendo l’idea di in un buon clima aziendale, spensierato e stimolante. E che tuttavia dovrà avere un senso. Dovrà condurre ad una spiegazione. Una riflessione che sarà condivisa e offrirà a tutti ulteriori spunti per apprezzare quanto la diversità di ogni gruppo sia un valore da celebrare. 

I ragazzi di Deloitte in posa, al termine di #DrinknDraw, per la foto “di cantina”

Per finire, il risvolto economico: #DrinknDraw è un percorso guidato stabile. Facilmente adattabile nella misura del tema e della storia aziendale. È gestito sempre da uno staff limitato a tre persone tra conduttore (una persona che introduca l’attività, ne detti i tempi e supporti le conclusioni), un sommelier (un professionista che offrirà la giusta ispirazione raccontando una storia vinicola in linea con le richieste aziendali), un fotografo (non solo per il reportage dell’attività, ma anche per la creazione della foto di gruppo, di “cantina”, finale a completamento del canvas). La presenza di sole tre persone e la semplicità strutturale del format (anche in relazione ai materiali che lo caratterizzano) fanno sì che il format sia pronto rapidamente e a prezzi accessibili. E ha condotto questa attività a diventare il best seller di Corefab società benefit. Ormai replicato in tantissimi contesti diversi e con finalità sempre nuove. Il migliore team building apripista che potessimo offrire per iniziare a ragionare sullo stato di benessere del gruppo. Anche per effetto della survey online anonima che oggi lo conclude e ci permette di analizzare quanto successo durante l’attività. 

Insomma, l’attività di team building #DrinknDraw pare che sia il giusto compromesso per “aprire la pista” di una nuova cultura aziendale. E lo fa, in modo del tutto italiano, con un piccolo assaggio di vino. Come rinunciarvi? 🙂

Marco Menoncello